Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


LA MOSTRA


Sezione precedente SEZIONE PRECEDENTE
CONSULTA REGIONALE DEI TOSCANI ALL'ESTERO
Pannello
Nel 1977 Regione Toscana fu tra le prime in Italia ad approvare una legge per costituire la Consulta dell’emigrazione, quale organo competente a stabilire contatti e suggerire interventi a favore dei toscani emigrati. Fu chiamato a presiedere la Consulta Mario Olla, con totale dedizione, ricca esperienza e rara capacità operativa iniziò con successo l’attività nel settore. Nel 1978 fu convocata a Lucca la 1° Conferenza Regionale dell’emigrazione, ripetuta nel 1982 a Pistoia e nel 1990 a Pontremoli. Le tre conferenze sono state momenti importanti per dibattere e verificare la rispondenza degli interventi alle aspettative dei corregionali residenti all’estero. Nel 1990 la legge fu modificata per adeguarla alle mutate esigenze della comunità all’estero e coinvolgere anche le nuove generazioni. Olla, stroncato da un infarto proprio sul posto di lavoro nel 1991, fu sostituito al vertice della Consulta da Riccardo Restelli, che continuò l’attività nella linea già tracciata, razionalizzando e strutturando meglio gli interventi. Nel 1996 Rastelli, chiamato ad altri incarichi, fu sostituito dal sottoscritto che ha cercato di selezionare e razionalizzare ancor meglio gli interventi della Regione. Lo scorso anno è stata ancora modificata la legge per istituire il Consiglio dei Toscani all’Estero ed innovare le regole dei rapporti con le associazioni e per gli interventi. Specialmente sotto la spinta del Presidente Chiti, conoscitore delle nostre comunità all’estero e sostenitore dell’attività della Consulta, è stata posta maggiore attenzione agli interventi per interessare i giovani a conoscere e sviluppare il rapporto con la terra dei padri. Negli ultimi quattro anni ben 256 giovani hanno partecipato ai soggiorni culturali di un mese a Siena e Viareggio, mentre 24 giovani hanno partecipato a stage per la qualificazione professionale. L’impegno verso i giovani ha avuto il suo epilogo a Montecatini con la 1° Conferenza mondiale dei giovani toscani cui hanno partecipato 100 giovani delle comunità all’estero e 100 residenti in Toscana. La Regione sostiene iniziative socio culturali delle Associazioni per far conoscere ed apprezzare anche alle comunità ospitanti, le tradizioni ed il patrimonio storico, artistico, culturale e produttivo della Toscana. E’ iniziata anche un’attività di ricerca storica che si concretizza in questa mostra quale prima tappa di un lavoro da sviluppare in modo organico per scrivere, nella storia della Toscana, anche quella di un secolo d’emigrazione.
 

Pistoia, 1984. Seconda Conferenza Regionale dell’Emigrazione Toscana.


 
Sezione precedente SEZIONE PRECEDENTE TORNA ALLE SEZIONI

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto