Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


Argomenti


BAGNI DI LUCCA

Il territorio che circonda Bagni di Lucca è abitato fin dall'epoca del bronzo e poi in seguito, scoperte la possibilità di utilizzare le acque per scopi termali, dagli Etruschi e dai Romani. Le prime notizie storiche si hanno dalle pergamene dell'Archivio Arcivescovile di Lucca del quarto secolo, ma è intorno all’anno mille che si costituiscono nella Val di Lima i potenti feudi delle famiglie Porcareschi e Lupari. Dal Duecento Lucca inizia ad occupare l’area e ad estromettere i feudatari, riunendo buona parte del territorio nell’entità amministrativa della Repubblica. Nel 1308 infatti, Bagni di Lucca appartiene alla Vicaria lucchese detta della Val di Lima e rimane soggetta allo stato cittadino fino all’unità d’Italia. Lucca, nel corso dei secoli, presta particolare attenzione alle risorse termali di Bagni di Lucca, facendone una importante meta “curativa” e dall’Ottocento anche turistica. La Repubblica accoglie infatti a Bagni di Lucca quegli ospiti stranieri di alto rango che necessitano di cure termali, intrattenendoli con svaghi quali magnifiche attrazioni teatrali o il gioco d'azzardo, legalizzato fin dal XVI° secolo. Con l'avvento del Principato Napoleonico, la corte di Elisa si sposta durante l'estate a Bagni di Lucca, continuando a portare nella valle una grande quantità di ospiti stranieri, attratti non solo dalle acque termali, ma anche proprio dalla vita mondana che ruota intorno al Casinò, ampio e confortevole, capace di offrire sontuose sale da gioco e balli noti per l’opulenza e lo sfarzo. La decadenza comincia con il passaggio del Ducato di Lucca da parte di Carlo Ludovico a Leopoldo di Lorena, Granduca di Toscana. Il Granduca passa il periodo estivo a Bagni di Lucca, ma conduce una vita poco mondana e nel 1853 chiude il Casinò. Con il tempo le illustri frequentazioni cessano e l'economia si indirizza verso lo sviluppo dell'artigianato, particolarmente quello delle figurini di gesso, che diventa la una delle principali attività degli emigranti non solo di Bagni di Lucca, ma di tutto il circondario.

 


IMMAGINI CORRELATE:


7  Veduta di Bagni di Lucca.
Periodo: inizio '800
Codice: 7
Veduta di Bagni di Lucca.

« Torna indietro

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto