Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


Argomenti


FIVIZZANO

Incerte sono le sue origini, identificate con il borgo di Verrucola, sede del Marchese Malaspina. E’ soggetta per secoli al dominio di questa famiglia, finchè si pone spontaneamente con tutto il territorio sotto la Repubblica Fiorentina, come si rileva dal libro dei "Capitoli e Convenzioni" firmato il 6 marzo 1477, dove è sancito il suo ingresso nella Repubblica Fiorentina, costituendo una di quelle isole medicee che caratterizzano il dominio dei Medici in Lunigiana. L'appartenenza alla Toscana ha lasciato negli edifici pubblici, privati e religiosi una notevole impronta tanto da essere chiamata "bel cantuccio di Firenze". Subisce ostili incursioni nel 1377 ad opera di Castruccio Castracani, nel 1430 viene occupata dall'armata dei Visconti, nel 1496 è assalita dalle truppe di Carlo VIII e nel 1537 da quelle spagnole del Marchese del Vasto. Fivizzano è assegnato nel 1808 ad Elisa Bacciocchi Bonaparte, per ritornare dopo il Congresso di Vienna alla Toscana. Da questa nel 1847 passa a Modena, quindi nuovamente nel 1848 alla Toscana. Tornata sotto Modena nel 1849, Francesco V vi governa fino all'unità d'Italia.

 


IMMAGINI CORRELATE:


4  Veduta di Fivizzano.
Periodo: inizio '800
Codice: 4
Veduta di Fivizzano.

« Torna indietro

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto