Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


Argomenti


MALASPINA ALESSANDRO

Nasce nel 1754 a Mulazzo in Lunigiana dal marchese Carlo Malaspina e da Caterina Meli Lupi di Soragna, nipote del vicerè di Sicilia. Dopo aver vissuto alcuni anni a Palermo, entra nel Collegio Pio Clementini a Roma per essere successivamente accettato nell'Ordine di Malta. Vive circa un anno sull'isola ed apprende, sulla flotta dell'Ordine, i primi rudimenti dell'arte di navigare. Nel 1774 entra nella Real Armada spagnola e partecipa a diverse spedizioni militari, che gli fruttano rapidi avanzamenti di carriera. Dal 1777 al 1779, imbarcato sulla fregata Astrea, compie un primo viaggio nelle Filippine, al quale ne segue un altro tra il 1783 il 1784, questa volta in qualità di Comandante in Seconda della fregata Asunciòn. Nel 1785, sul brigantino Vivo, adibito a rilevamenti idrografici, lavora alla cartografia di alcuni tratti della costa spagnola, mentre, l’anno successivo, al comando della fregata Astrea, compie, per conto della Real Compagnia de Filipinas, un viaggio commerciale attorno al mondo (rotta del Capo di Buona Speranza all'andata e Capo Horn al ritorno). Nel 1788 propone al governo di Spagna di organizzare una spedizione politico-scientifica, da realizzarsi con due corvette, per quasi tutti i possedimenti spagnoli d'America e d'Asia. La spedizione, formata dalle corvette Descubierta ed Atrevida, salpa da Cadice il 30 luglio 1789 e vi rientra il 21 settembre 1794, dopo sessantadue mesi di navigazione. Il 7 dicembre Malaspina viene ricevuto all’Escorial dal re Carlo IV e dal primo ministro Manuel Godoy, promosso Brigadiere d'Armata, ma un tentativo di modifica alcuni aspetti della politica governativa gli procura l’inimicizia di Godoy. Il 22 novembre 1795, su proposta di Godoy, il Consiglio di Stato, presieduto da Carlo IV, delibera l'arresto di Malaspina con l'accusa di complotto contro lo stato. L'ufficiale viene arrestato, degradato e segregato alla Coruna (Galizia), nell'isolato castello di San Antón. Dal 1796 al 1802, durante la prigionia, Alessandro Malaspina scrive vari trattati di economia, estetica, critica letteraria. Nel 1802, dietro pressioni di Francesco Melzi d'Eril e di Napoleone, Malaspina viene liberato dal carcere, ma lascia immediatamente la Spagna e trova rifugio a Pontremoli, dove muore nel 1810.

 


IMMAGINI CORRELATE:


12  Carta generale del globo terrestre del 1761 con l'itinerario della spedizione effettuata da Alessandro Malaspina per conto della Spagna tra il 1789 ed il 1794, e che si sarebbe occupata di scienze geografiche, naturali, sociali, economiche e militari.
Periodo: fine '700
Soggetto: viaggio
Codice: 12
Carta generale del globo terrestre [...]
13  Le corvette Descubierta e Atrevida, affidate dalla Corona Spagnola al Malaspina, ancorate nelle isole di Vavo, oggi Tonga, Polinesia. Disegno di F. Brambilla.
Periodo: fine '700
Soggetto: viaggio
Codice: 13
Le corvette Descubierta e Atrevida, [...]
14  Alessandro Malspina (Mulazzo 1754 - Pontremoli 1810), ufficiale della Real Marina di Spagna, ideatore e comandante della spedizione scientifica che tra il 1789 e il 1794 lo porta a toccare le coste dell'America, dell'Australia e del Sud-Est Asiatico.
Periodo: fine '700
Soggetto: viaggio
Codice: 14
Alessandro Malspina (Mulazzo 1754 - [...]

« Torna indietro

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto