Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


Argomenti


IN GRAN BRETAGNA

L’emigrazione italiana di massa verso la Gran Bretagna comincia all’inizio dell’Ottocento quando le maggiori città dell’Inghilterra sono percorse da un così grande numero di suonatori e venditori ambulanti originari di Stati della penisola che “italiano” diventa quasi sinonimo di organettista o musicante di strada. Al di fuori di queste professioni girovaghe tuttavia, l’emigrante italiano di quell’epoca non trova in Gran Bretagna quelle possibilità occupazionali che vengono offerte dalle grandi opere pubbliche che si avviano nel continente ed inoltre un ampio serbatoio di manodopera “nazionale” ed a buon mercato è sempre costituito dall’immigrazione irlandese. E’ nel Novecento tuttavia che gli italiani (tra i quali molti toscani) impiantano diverse attività commerciali e di ristorazione a Londra e nei maggiori centri del Paese fornendo dapprima servizi alla nicchia etnica italiana e poi aprendo botteghe, bar, caffetterie, gelaterie e ristoranti per ogni tipo di clientela. Dalla Lunigiana e dalla Garfagnana particolarmente sono molte le famiglie che hanno un buon successo in questo genere di attività, favorendo, attraverso le catene migratorie, un costante afflusso di lavoratori per buona parte del secolo.

 


IMMAGINI CORRELATE:


131  Calesse che trasporta il pane prodotto dal forno della famiglia Renucci originaria di Barga (Lucca).
Periodo: fine '800
Soggetto: lavoro
Codice: 131
Calesse che trasporta il pane prodotto [...]
251  Bianchi Carmela, pontremolese, con il nipote Carlo in Trafalgar Square a Londra. Partita nel 1934 per Londra, dopo molti anni di lavoro in botteghe e ristoranti è ormai integrata nella vita della capitale inglese.
Periodo: anni '60
Soggetto: tempo libero
Codice: 251
Bianchi Carmela, pontremolese, con [...]
351  Rosa Mori insieme al marito Livio Zanrè a Kirkwall (Scozia) dove gestiscono una bottega di alimentari.
Periodo: anni '30
Soggetto: famiglia
Codice: 351
Rosa Mori insieme al marito Livio Zanrè [...]
360  Pomini Anita, originaria di Fosdinovo in Provincia di Massa Carrara insieme alla padrona del ristorante dove lavora.
Periodo: anni '50
Soggetto: lavoro
Codice: 360
Pomini Anita, originaria di Fosdinovo [...]
361  Pomini Anita insieme alla padrona del ristorante dove è impiegata e ad una collega.
Periodo: anni '50
Soggetto: lavoro
Codice: 361
Pomini Anita insieme alla padrona del [...]
781  Il triciclo per la vendita dei gelati prodotti nella gelateria-pasticceria aperta da Teresa Musetti e dal marito Pietro Marioni. Teresa, nata in Argentina nel 1899 e rientrata in Italia da bambina, parte poi per la scozia dopo il matrimonio.
Periodo: anni '30
Codice: 781
Il triciclo per la vendita dei gelati [...]
782  Giacomo Ambrosi, originario di Careggia in Lunigiana, lavora negli Stati Uniti in un allevamento di pollami, come potatore in un frutteto ed in qualità di posatore per una compagnia ferroviaria. Nel 1907, dopo un breve rientro in Italia, decide di portare con sé il figlio Antonio, che, pochi giorni dopo lo sbarco a New York, muore accidentalmente attraversando le rotaie nei pressi di una stazione. La foto viene scattata in una camera d’albergo della città per essere spedita ai familiari rimasti al paese prima della sepoltura.
Periodo: 1907
Codice: 782
Giacomo Ambrosi, originario di Careggia [...]

« Torna indietro

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto