Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


Partiti dalla Toscana


POLLINA ANNA

Francesco Ferlini di Fivizzano in Lunigiana sbarca in Argentina nel 1950 all’età di ventidue anni alla ricerca di un lavoro e di un futuro migliore. Ha lasciato a casa presso i genitori la moglie Anna Pollina, di un anno più giovane di lui ed incinta. Francesco si sposta in diversi luoghi per trovare la migliore sistemazione: Còrdoba, Salta, Jujuy, Neuquen lavorando dove capita, per lo più in miniera. A Fivizzano intanto nasce Alfio, il primogenito. Nel 1958, dopo una lontananza del marito che si protrae da troppo tempo, Anna si decide e parte per l’Argentina insieme al figlio Alfio. Salpano a Napoli e dopo ventun giorni di viaggio arrivano a Buenos Aires l’11 febbraio 1958. Si trasferiscono subito a Mar del Plata per sistemarsi nella casa di un fratello di Anna dove Alfio impara la lingua spagnola. Anna scrive una lettera al marito e senza aspettare risposta parte per la Patagonia dove a Zapala nel Nequen ritrova il marito dopo otto anni. Riunitisi finalmente decidono di stabilirsi a Andacollo in una località in mezzo alle montagne. Dopo circa tre anni di lavoro però l’azienda dove lavora Francesco fallisce e non sembrano esserci altre prospettive occupazionali. Un incendio distrugge inoltre la casa dove vivono. E’un momento difficile e si risolvono quindi di cambiare ancora e trasferirsi a Chos-Malal dove c’è lavoro nelle miniere di marmo. Nascono intanto Teresa ed Enrico e successivamente Paola e Silvia. La famiglia si allarga e richiede continue cure, ma la sfortuna sembra volersi abbattere nuovamente sui destini di Anna e Francesco: nel 1975 un’inondazione travolge la zona della Patagonia dove vivono e tutti riescono a malapena a salvarsi. La vita continua anche se duramente finchè nel 1983 Francesco si ammala e muore durante il trasferimento all’ospedale a Buenos Aires. Anna per continuare ad occuparsi dei figli ancora piccoli comincia a fare la domestica per portare a casa un po’ di soldi.
« Torna indietro

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto