Versione ad alta leggibilità
  1. Salta il menu
  2. Riabilita i fogli di stile CSS

Logo
Alto contrasto - Disabilita CSS - Caratteri normali - Caratteri grandi


Partiti dalla Toscana


BADII LIBERO

Libero Badii aveva quindici anni quando cominciò a lavorare il marmo. Lo stesso avevano fatto suo padre e suo nonno in Toscana, prima di emigrare nel 1927 in Argentina. Il percorso professionale di Libero Badii era cominciato presso l'"Unione e Benevolenza", l'associazione italiana più antica dell'Argentina, dove l'artista toscano aveva studiato disegno, per poi frequentare, fra il 1940 e il 1944, l'Accademia delle Belle Arti di Buenos Aires. Durante gli anni cinquanta, dopo aver realizzato viaggi di studio in America e in Europa, aveva ricevuto numerosi premi per le sue sculture in pietra e in gesso, come "La Familia" con cui aveva vinto il Gran premio de Honor "Presidente de la Naciòn Argentina" nel 1953, "El Deseo", opera in gesso premiata al XXXVI "Salòn de Santa Fe" nel 1959, "Los Munecos", con cui aveva vinto il premio nazionale alla Biennale di San Paolo nel 1971. Sue opere erano state esposte negli anni nei più grandi musei di Messico, Canada, Stati Uniti, Francia, Svezia e Spagna. Artista poliedrico, nel corso della sua lunga attività Badii aveva lavorato non soltanto il marmo ma anche il bronzo, la pietra, il legno; aveva inoltre sviluppato una notevole attività grafica e negli ultimi anni si era dedicato anche alla pittura. La Fondazione del Banco di Credito Argentino ha organizzato una raccolta permanente delle sue opere.

 


IMMAGINI CORRELATE:


213  Museo della Fondazione del Banco di Credito Argentino; Collezioni Badii, raccolta permanente delle opere di Libero Badii.
Soggetto: lavoro
Codice: 213
Museo della Fondazione del Banco di [...]
214  Lo scultore, nato ad Arezzo ed emigrato nel 1927 in Argentina con la famiglia, diviene Professore di scultura nella Scuola Superiore di Belle Arti.
Soggetto: lavoro
Codice: 214
Lo scultore, nato ad Arezzo ed emigrato [...]

« Torna indietro

project by Fantanet S.r.l.

    Museo dell'Emigrazione della Gente di Toscana - Castello di Lusuolo - Mulazzo di Lunigiana - Tel 0187 439017


Torna in alto